Pubblicazione Gazzetta Ufficiale dell’accordo di libero scambio tra UE e Nuova Zelanda

In data 28 Febbraio 2024 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’ Unione Europea il nuovo Accordo di Libero Scambio tra l’Unione Europea e la Nuova Zelanda (2024/229)
 
L’UE e la Nuova Zelanda hanno concordato regole di origine che garantiscono che i prodotti che sono stati trasformati in modo significativo in una delle parti possano beneficiare delle preferenze tariffarie dell’accordo. In questo modo si garantisce che i benefici dell’accordo vadano ai prodotti realizzati nell’UE e in Nuova Zelanda e non a quelli realizzati in Paesi terzi.
La documentazione sull’origine segue i più recenti standard basati sull’autocertificazione da parte delle imprese per rendere l’utilizzo dell’accordo il più semplice possibile, soprattutto per le piccole e medie imprese. La verifica dell’origine si basa su contatti con l’importatore da parte delle dogane locali e può essere seguita da una cooperazione amministrativa tra le autorità doganali dell’UE e della Nuova Zelanda.
Regolamenti e standard tecnici diversi sui prodotti in altri mercati possono creare barriere commerciali e aumentare i costi di conformità.

L’accordo promuove la trasparenza e l’uso di standard internazionali per facilitare l’accesso al mercato, salvaguardando al contempo i livelli di protezione che ciascuna parte ritiene appropriati. Per le aziende dell’UE sarà più facile dimostrare la conformità ai regolamenti tecnici neozelandesi, poiché le valutazioni di conformità possono essere effettuate nell’UE da organismi riconosciuti per determinati settori.

La Nuova Zelanda ha accettato di accettare i certificati di omologazione UE per i veicoli a motore. Molte categorie di veicoli a motore omologati nell’UE non avranno bisogno di ulteriori certificazioni prima di entrare nel mercato neozelandese.

I requisiti di marcatura ed etichettatura possono essere soddisfatti anche nel territorio della parte importatrice ed entrambe le parti possono cooperare su questioni di sorveglianza del mercato.

L’Allegato sul vino e gli alcolici faciliterà notevolmente il commercio tra due partner con industrie vinicole fiorenti in un mercato altamente regolamentato e competitivo. Fornisce una piattaforma che promuove gli standard di produzione e di etichettatura del vino e aumenta notevolmente la convergenza di tali standard. La conclusione positiva di questo allegato ha aperto la strada alla protezione di tutte le IG dell’UE per i vini e gli alcolici in Nuova Zelanda e di tutte le IG del vino neozelandese attraverso questo accordo.
 
Per qualsiasi approfondimento dell’accordo contattate  consulenza@donelligroup.com

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO